da

da “La terra desolata” di T.S. Eliot


 


V’è ombra sotto questa rossa roccia,


(Venite all’ombra della rossa roccia),


E io vi mostrerò cosa diversa


Dall’ombra vostra che da mane vi cammina dietro,


Dall’ombra vostra che a sera si leva ad incontrarvi;


Vi mostrerò il terrore in un pugno di polvere.


*


Io penso che noi siamo nel vicolo dei sorci


Dove i morti han perduto le ossa.


*


La sua vanità non esige un’intesa,


E interpreta l’indifferenza come una buona accoglienza.


*


O amico, sangue che mi rimescola il cuore


Il terribile ardire di un momento d’abbandono


Che un secolo di prudenza non può mai ritrattare


Per questo, e questo soltanto, noi siamo esistiti


Questo che non si troverà nei Necrologi


O sulle lapidi velate dal benefico ragno


O sotto i suggelli rotti dallo scarno notaro


Nelle nostre camere vuote

Tag:
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...